SIAMO NATI PER CORRERE, MA CI SIAMO DIMENTICATI COME SI FA

Cerchiamo a tutti i costi il comfort per stare comodi. Viviamo in un epoca in cui tutto è alla portata di un clic. Hanno enorme successo le aziende che ci consegnano a casa in meno di 24h qualsiasi cosa, dal cibo ai vestiti. Tutto è sempre piu digitale.

Finiamo quindi per ridurre al minimo il movimento nelle nostre giornate. Molti iniziano a chiedersi se siamo sicuri che alla fine sia cosi buona per noi tutta questa comodità?

Questo è il ragionamento che ha fatto Daniele Vecchioni quando ha ideato il metodo Correre Naturale® per riportare al centro della vita quotidiana il movimento, per aumentare il benessere delle persone, la loro forma fisica ed evitare gli infortuni.

Correre Naturale® experience

Da appassionato di corsa quando ho sentito in radio Aldo Rock parlare di Correre Naturale, mi ha incuriosito e ho pensato di approfondirlo iniziando a leggere il libro scritto da Daniele.

Alla base di tutto c’è la filosofia che il movimento è vita, e quindi correre deve essere un’attività che rende felici le persone. E se circa l’80% dei runner a tutti i livelli si infortuna almeno una volta all’anno vuol dire che qualcosa non va.

Questo non può dipendere solo dalle scarpe con o senza ammortizzazione, o dal tipo di allenamento svolto giusto? Molto probabilmente il problema è causato dallo stile di vita moderno che ci ha portato a perdere delle abitudini al movimento e delle abilità fisiche che erano tipiche dell’uomo in passato.

Correre Naturale® experience

La corsa è l’abitudine piu naturale per l’uomo che nella sua storia è sempre stato abituato a spostarsi di corsa quando correva per sopravvivere e cacciare. Poi è arrivato lo sviluppo ed effettivamente ci siamo trasformati, abbiamo cambiato habitat, dalla natura siamo passati alle giornate seduti tra gli uffici, le auto e la comodità del divano.

Daniele Vecchioni ha cosi messo insieme le sue esperienze nel running (dalle maratone all’Ironman), le esperienze di studio nelle altre culture e le collaborazioni con atleti e coach per ideare e diffondere il metodo Correre Naturale.

Correre Naturale® experience

Il metodo si basa sul movimento come segreto per il benessere fisico, mentale e relazionale delle persone. La corsa diventa un momento di libertà che va vissuto con felicità. Quindi stop al controllo ossessivo di orologi con i tempi della prestazione e soprattutto stop ad allenamenti che non siano adeguati al nostro stato di forma. Se oggi è stata una pessima giornata e ci si sente stanchi, è inutile seguire la tabella di allenamento che prevede ripetute e sforzi eccessivi. Perchè lo sport deve migliorare la nostra giornata e non viceversa appesantirla.

I 4 segreti del metodo Correre Naturale per correre felici senza infortuni, che mi sono rimasti maggiormente impressi:

1. CAMMINA SEMPRE

Non siamo più abituati a vivere nella natura, a stare molto in piedi, a muoverci. Dopo una giornata seduti, tra ufficio, auto e divano, non possiamo chiedere improvvisamente al nostro corpo di correre, fare ripetute, sollevare pesi fuori dalla nostra portata. Il corpo non va stressato, è cosi che poi ci provochiamo gli infortuni! Dobbiamo abituarci a integrare il movimento in tutti i momenti della giornata. Camminare sempre quando possibile, stare in piedi il più possibile, stare all’aperto…prendere le scale invece che l’ascensore!

2. CORRI NATURALE

Quando corriamo dobbiamo dimenticarci l’orologio. Bisogna ascoltare il proprio corpo, il proprio respiro. Se corriamo contratti, con il viso teso, non stiamo godendo appieno della corsa. Quindi va tenuta una postura corretta (pensando ad una linea retta immaginaria dai piedi alla testa) ma soprattutto bisogna trovare armonia nei movimenti. Correre rilassati al ritmo che sentiamo essere ideale in quel momento. L’appoggio del piede diventa cosi meno fondamentale e dannoso, se allineato agli altri elementi.

3. IL BENESSERE PARTE DAI PIEDI

Dei piedi quasi tutti ci dimentichiamo sempre. Sono il nostro primo contatto con il mondo. Abituati a vivere sempre con scarpe spesso strette, abbiamo quasi atrofizzato i tendini e i muscoli dei piedi. Devono supportare e sopportare il nostro peso, quindi diventa importantissimo curarli e tenerli in forma con massaggi ed esercizi di sensibilità (es. prendere una penna con le dita dei piedi, tenere sollevati per alcuni secondi solo il pollice, stare in equilibrio su un piede)

4. ASCOLTA IL RESPIRO

Nel metodo Correre Naturale viene data grande importanza alla respirazione. Daniele consiglia di mantenere durante gli allenamenti principalmente la respirazione nasale. Quindi grande spazio per la corsa aerobica nei diversi tipi di allenamento, dalla Corsa Rigenerante (per rilassarsi e sentirsi piu energetici) alla Corsa Camminata (alternanza di corsa e cammino). Una volta che si è allenati adeguatamente, si può passare a sessioni piu impegnative se si sta preparando una gara, con il Fartlek e la Tempo Run dove il corpo viene abituato alla resistenza. Naturalmente sempre ascoltando il proprio corpo!

Per chi vuole approfondire la filosofia e gli eventi di Correre Naturale, ecco il sito www.correrenaturale.com

Buone corse e camminate!